Default text, this is the text that 3.x browsers will see You can have lot's of ˜ here in stead. Or you can use a script to write in text only if it's Netscape 4 (you have to do that so that the layer gets some content or the written in text won't show correct.


Cerca nel sito



HOME
1.1. TI INVITO A UN VIAGGIO - Stefano
1.2. Charles Baudelaire
1.3. Rimbaud
1.4. Un Elogio alla Passione
1.5. Dormono sulla collina
1.6. Il Sogno
1.7. Un grido contro il potere
1.8. La poesia di Pazienza
1.9. Qualcosa di mio
2.01.ELIZABETH - Letteratura al femminile
2.02. Isabella di Morra
2.03. Elizabeth Barrett Browning
2.04. Sylvia Plath
2.05. Emily Brontë
2.06. Florbela Espanca
2.07. Sibilla Aleramo
2.08. Eleonora De Fonseca Pimentel
BACHECA
Bibliografia e fonti
Il SurjaForum
L'ANGOLO DELLE FAVOLE
SALOTTO LETTERARIO



 Anthakarana
 Art Jewelry
 Blu Delfino Blu
 BluGoa
 Gli Occhi del Drago
 Il Ponte dell'Arcobaleno
 Il Raggio Verde
 La Pietra Verde
 Le Pietre delle Fate
 Moonwitch
 Navaratna
 Rainbowbridge
 Saraswati
 Silvermoon
 Spazio Cucina
 Surja
 SurjaAge

Torna alla Home del SurjaRing

Hai voglia di partecipare attivamente? Vuoi vedere pubblicato un tuo intervento inerente gli argomenti trattati all'interno di questo sito? INVIACI un messaggio illustrandoci l'argomento che desidereresti trattare: ti risponderemo al più presto richiedendoti l'invio del materiale, ed anche una tua foto, se vuoi.

Pubblicheremo gli interventi che, a nostro giudizio, saranno ritenuti più originali ed interessanti.
03.2. Al liceo Garibaldi

Angeli dei Sette Chakra
Gli Angeli dei Chakra si rivolgono ad animi in cammino verso un sempre maggiore e consapevole equilibrio personale.
Donarsi o donare un angelo dei Chakra è un gesto colmo di simboli e significati.

Visualizza tutti gli Angeli dei Sette Chakra>>>
"- Error, conditio, votum, cognatio, crimen,
cultus disparitas, vis, ordo, ligamen, honestas,
si sis affinis, "cominciava don Abbondio, contando sulla punta delle dita.
- Si piglia gioco di me? - interruppe il giovine - Che vuol ch'io faccia del suo latinorum?"

(I Promessi sposi)


Al liceo Garibaldi*
Per chi dalla provincia arrivi a Napoli, con il treno, con l'autobus o in automobile, il liceo classico più vicino è il glorioso "Giuseppe Garibaldi", un imponente edificio di tre piani che si affaccia su piazza Carlo III, ma il cui ingresso è situato in via Carlo Pecchia, sfrontatamente ribattezzato dagli studenti irrispettosi "via Carlo Pacchia”. Proprio per la facile accessibilità ai provinciali non è mai stato un liceo snob come il Sannazaro, ma molto democratico, accogliendo, sì, i figli del medico di Acerra, dell'ingegnere di Afragola, del professore di Posillipo, del geometra del Vomero o dell'architetto di Pollena Trocchia, ma anche i ragazzi provenienti da famiglie più modeste. I genitori di questi ultimi, essendosi i loro figli dimostrati promettenti e volenterosi nello studio, una volta facevano mille sacrifici, convinti che l'accostamento al favoloso mondo del liceo classico avrebbe assicurato loro un buon avvenire.
E fu proprio in questo crogiolo di studenti dalle origini più disparate che, tanti anni fa, fece il suo ingresso anche Paoletta Cannavacciuolo di via sant'Attanasio, figlia di una coppia che potremmo definire di proletari benestanti, essendo il padre un "carnacottaro "1 col bancone al corso Garibaldi, e la madre una " ugliarara "2
che aveva ereditato dai nonni una rivendita di olio, olive e capperi nei pressi del liceo.
Dei genitori il personaggio più singolare era sicuramente la madre, un donnone di novanta chili di peso per un'altezza di circa un metro e cinquanta, con una folta peluria scura sul labbro superiore e, a dare ascolto a certi pettegolezzi, anche intorno al mento.
C'era, infatti, chi asseriva di aver intravisto un giorno, da uno spiraglio lasciato inavvertitamente aperto nel basso dei Cannavacciuolo, la donna seduta, con un largo tovagliolo intorno al collo, la testa reclinata all'indietro, ed il marito armeggiarle intorno con pennello, crema e rasoio, nell'inequivocabile atteggiamento di chi esegue una bella rasatura.
La cosa fu risaputa subito in tutto il quartiere e, dopo un po', ci si cominciò ad interrogare sul perché l'uomo non eseguisse una rasatura completa, eliminando alla consorte anche i baffi: la spiegazione comunemente data dalla saggezza popolare fu che “alla donna i baffi crescono più velocemente della barba". In verità il poveretto non riusciva a tenere il passo con la ricrescita della peluria sicché, di comune accordo con la moglie, aveva deciso di desistere dall'impresa e arrendersi all'evidenza: effettivamente i baffi crescevano troppo in fretta! Comunque Paoletta non si lasciò mai sfuggire alcun commento sui baffi materni, né le sue amiche fecero domande al riguardo. La ragazza fu, dunque, assegnata alla sezione C della quarta ginnasiale, poiché a quei tempi il liceo classico era ancora suddiviso nel biennio del ginnasio e nel trienno superiore.
Inizialmente le compagne di classe arricciarono il naso di fronte alle sue origini, ma, ben presto, la bontà e la socievolezza del carattere di Paoletta fecero crollare ogni riserva.
Lo studio della lingua latina e di quella greca si rivelarono, però, un vero e proprio campo minato per la poverina che, con tutta la buona volontà, proprio non riusciva a districarvisi, assimilando queste materie in modo del tutto personale e riducendole a mere barzellette. Per esempio, era convinta che tutte le parole greche terminassero in "os" e tutte quelle latine in "orum", poi confondeva i significati dei verbi, non distingueva un dativo singolare da un nominativo plurale della prima declinazione latina e, puntualmente, scambiava i verbi deponenti con la forma passiva.
Per quanto riguarda la lingua greca, in particolare, si ostinava ad ignorare le diverse sfumature di significato di uno stesso vocabolo, e fu così che una volta, in una sua traduzione, Didimo il Cieco, noto filosofo cristiano autore, tra l'altro, di uno scritto in tre libri " Sulla Trinità", ricco di citazioni delle Sacre Scritture, ed anche di versi di antichi poeti, divenne "Didimo l'Ottuso".
Poi ci fu l'episodio clou: un bellissimo "repente" di un brano di Seneca tradotto con un napoletanissimo "all'intrasatta" (all'improvviso), squisito vocabolo dell'idioma partenopeo, ma completamente inadatto per una versiona dal latino in un liceo classico.
La permanenza di Paoletta al liceo Garibaldi fu, perciò, di breve durata, essendosi rivelata negata per lo studio dei classici, per cui non terminò nemmeno l'anno scolastico, tuttavia superò rapidamente la delusione confortata dalla madre che asserì:
"'O liceo nun è fatto per mia figlia!" - ignorando che era la figlia a non essere idonea allo studio dei classici. E così Paoletta non andò più a scuola ma cominciò ad aiutare la madre in bottega, però, di tanto in tanto, le ex compagne passavano a salutarla e lei ne era felice.
Impettita andava dietro al bancone, prendeva un foglio di carta oleata, lo avvolgeva in senso trasversale, spingeva il bordo inferiore all'interno del cono ottenuto, tuffava il mestolo forato nella tinozza contenente le olive di Gaeta, ne lasciava colare l'acqua, con solennità le versava nel cono e, offrendolo alle amiche, chiedeva:
"Meglio 'o latinorum o nu cuppetiello3 d'aulive4 ?"
'O cuppetiello d'aulivos!" rispondevano in coro le ragazze ridendo.
E, un po' in disparte, rideva anche la madre...sotto i baffi, però.
Francesca Santucci
© F.Santucci - Tutti i diritti riservati. È vietato utilizzare questo testo, anche parzialmente, senza autorizzazione.
__________________________

* Una riduzione del racconto è stata pubblicata nel 1988 sul Corriere della Sera, nell'ambito del concorso "Nuovi talenti".
Note:
1) venditore di frattaglie bollite di maiale
2) venditrice di olio
3) involucro di carta a forma conica contenente le olive
4) olive
Ti piace questo sito?
Invita anche un tuo amico a visitare il SurjaRing!
clicca qui


Collabora con noi!
C'è un argomento che ti appassiona
e desideri condividerlo nel web?
Hai voglia di diventare uno dei nostri?
Collabora con noi!
C'è uno spazio gratuito che ti attende
all'interno del SurjaRing.
Clicca qui
In riferimento alla recente legge del 2015 entrata in vigore il 2 giugno sui cookie, avvertiamo i visitatori che questo sito non utilizza cookie per raccogliere dati degli utenti ma solo cookie tecnici, necessari al funzionamento del sito e per consentire agli utente di accedervi.
Non dimenticare di iscriverti alle
NewsLetter del SurjaRing!


Vuoi un regalo dal SurjaRing? clicca qui




REGISTRATI
per ricevere novità
dal SurjaRing










Per la pubblicità su     questo sito clicca qui!

Segnala il SurjaRing     ad un amico

Partecipa al     SurjaForum

Fai di SurjaRing la tua     Home Page

Collabora con noi

Ascolta la SurjaMusica


Surja

Cristallidiluna

BluGanesha

Profumidoriente


Free Internet - Free e-mail
NAVIGA IN INTERNET con un accesso sicuro e veloce al costo di UNA TELEFONATA URBANA ed una casella e-mail con ANTISPAM e ANTIVIRUS!


ScambioBanner
Esponi un banner del tuo sito in SurjaRing!


SurjaTeam
Chi scrive in
SurjaRing?


Ars culinaria
La Locanda di Donna Sofia


SurjaForum
Partecipa anche tu al Forum del SurjaRing!


SurjaTeam
Chi scrive in SurjaRing?


Free Internet - Free e-mail
NAVIGA IN INTERNET con un accesso sicuro e veloce al costo di UNA TELEFONATA URBANA ed una casella e-mail con ANTISPAM e ANTIVIRUS!


I CHING
Consulta l'oracolo: un nuovo servizio offerto da SurjaRing


ScambioBanner
Esponi un banner del tuo sito in SurjaRing


SurjaForum
Partecipa anche tu al forum del SurjaRing!




SurjaTeam
Chi collabora con SurjaRing?

SurjaLink
I siti consigliati da SurjaRing

SurjaDono
Richiedi il dono del SurjaRing

ScambioBanner


powered by Neomedia

© Copyright Surja s.a.s. Tutti i diritti riservati.
È vietato utilizzare i contenuti di questo sito senza autorizzazione.