Default text, this is the text that 3.x browsers will see You can have lot's of ˜ here in stead. Or you can use a script to write in text only if it's Netscape 4 (you have to do that so that the layer gets some content or the written in text won't show correct.


Cerca nel sito



HOME
1.1. TI INVITO A UN VIAGGIO - Stefano
1.2. Charles Baudelaire
1.3. Rimbaud
1.4. Un Elogio alla Passione
1.5. Dormono sulla collina
1.6. Il Sogno
1.7. Un grido contro il potere
1.8. La poesia di Pazienza
1.9. Qualcosa di mio
2.01.ELIZABETH - Letteratura al femminile
2.02. Isabella di Morra
2.03. Elizabeth Barrett Browning
2.04. Sylvia Plath
2.05. Emily Brontë
2.06. Florbela Espanca
2.07. Sibilla Aleramo
2.08. Eleonora De Fonseca Pimentel
BACHECA
Bibliografia e fonti
Il SurjaForum
L'ANGOLO DELLE FAVOLE
SALOTTO LETTERARIO



 Anthakarana
 Art Jewelry
 Blu Delfino Blu
 BluGoa
 Gli Occhi del Drago
 Il Ponte dell'Arcobaleno
 Il Raggio Verde
 La Pietra Verde
 Le Pietre delle Fate
 Moonwitch
 Navaratna
 Rainbowbridge
 Saraswati
 Silvermoon
 Spazio Cucina
 Surja
 SurjaAge

Torna alla Home del SurjaRing

Hai voglia di partecipare attivamente? Vuoi vedere pubblicato un tuo intervento inerente gli argomenti trattati all'interno di questo sito? INVIACI un messaggio illustrandoci l'argomento che desidereresti trattare: ti risponderemo al più presto richiedendoti l'invio del materiale, ed anche una tua foto, se vuoi.

Pubblicheremo gli interventi che, a nostro giudizio, saranno ritenuti più originali ed interessanti.
14.3. La pazienza

Angeli dei Sette Chakra
Gli Angeli dei Chakra si rivolgono ad animi in cammino verso un sempre maggiore e consapevole equilibrio personale.
Donarsi o donare un angelo dei Chakra è un gesto colmo di simboli e significati.

Visualizza tutti gli Angeli dei Sette Chakra>>>
Seguito de “Scatole di latta”


Sono confusa come il contenuto delle borse da donna.
A nulla valgono i miei sforzi per riordinare idee e sentimenti.
...quel vecchio pigiama blu con i bordi rossi... dio come mi piaceva!
Quando lo indossavo mi sentivo invincibile come un super eroe.
Avrei potuto sconfiggere il male, aiutare i deboli, diventare invisibile e persino volare: se solo
avessi voluto!
Erano momenti magici che diventavano quasi poetici quando Ersilia mi permetteva di indossare i suoi stivaletti di vernice nera. Allora correvo ad un palmo dal pavimento, lungo tutto il corridoio, giravo a destra attraversando la cucina in diagonale, scavalcando sedie, schivando il tavolo e mi attaccavo alla maniglia della porta che conduceva in cantina.
La sotto non mi è mai piaciuto andare, ma ci sono dei momenti nella vita di ognuno di noi in cui vale la pena di trovare il coraggio per superare le proprie paure.
Basta volerlo intensamente?
Basta chiedersi che cosa si è disposti a perdere o guadagnare?
Basta essere incoscienti o coraggiosi?
Non lo so, l’unica cosa che so è che, quelle rare volte che Ersilia mi diceva di si, affrontavo le scale di legno che portavano nel mondo delle ombre come un intrepido guerriero va incontro al suo destino.
Dimenticando tutto il resto.
Salti nel vuoto.
Mi sento spinta in avanti e indietro, sballottata come una spiga di grano, ancora acerba, che rifiuta di farsi spezzare da un vento impetuoso e immobile che non riesco a catturare, che mi passa tra le dita e mi fa raggelare.
C’è un cesto di frutta sul davanzale, è blu, è di paglia, qualche tempo fa avevo deciso di liberarmene: fragile per il troppo peso sopportato silenziosamente, aveva cominciato a cedere. Stecche di vimini contorto si staccavano in piccoli frammenti, poi... poi ho trovato della rafia dello stesso colore e, quasi senza rendermene conto, ho passato il pomeriggio ad aggiustarlo.
Lo guardo quasi con amore.
Uno strano sentimento da rivolgere ad uno stupido oggetto.
Un turbamento.
Guardo meglio, accarezzo da lontano la frutta che non è più fresca, che ormai non conosce o non ricorda le sue stagioni: uva e pesche, pere e arance, prugne e ananas...
Guardo meglio, una nuvola di moscerini festeggia indisturbata.
Una mela verde, acerba e perfetta, svetta senza giustificazione su quella collina immangiabile.
Sorrido con le lacrime agli occhi.
Ricordo con tenerezza la passione e la pazienza di cui Ersilia era capace quando affrontava il suo frutto preferito.
Il suo è un rituale che merita di non essere dimenticato.
In cucina c’era sempre un centrotavola di cristallo azzurro pieno di mele verdi.
Si sedeva compostamente lì davanti e aspettava... aspettava che la mela giusta si facesse riconoscere.
Non mi ha mai svelato il suo segreto, poteva essere il profumo, poteva essere la forma... una depressione della buccia.
Sinceramente non lo so e, forse, non lo sapeva nemmeno lei.
Fatto sta che dopo qualche minuto o più di un ora, allungava una mano, prendeva il frutto che voleva farsi mangiare e lo accarezzava.
Passava le sue dita, lunghe e bianche, leggere, sul profilo verde, chiudeva gli occhi e continuava a vederlo.
Annusava la sua fragranza, si godeva la sua freschezza, aspirava ogni singola variazione di un aroma che già pregustava.
Poi, con calma si alzava, andava al lavandino e lo lavava.
Litri e litri di acqua fredda si riversavano sulla buccia liscia bagnandola senza bagnarla.
Un morbido strofinaccio pulito l’asciugava.
Solo allora Ersilia tornava a sedersi al suo posto, con la mela perfetta deposta al centro di un piccolo piatto da frutta senza decorazioni vistose.
Prima di tutto toglieva il picciolo.
Lo tratteneva con due dita mentre con l’altra mano faceva girare il pomo fino al distacco.
Contava i giri.
Ad ogni giro corrispondeva una lettera.
Ad ogni lettera un nome.
Ad ogni nome una persona.
Persone stabilite in precedenza che potevano essere buone o cattive, ma anche domande che necessitavano una risposta.
Risposte che sarebbero arrivate da quella persona.
Adesso che ci penso, Ersilia, qualche volta era proprio strana.
Ersilia ci credeva davvero.
Apriva il cassetto ed estraeva un coltello affilatissimo con cui denudava il frutto.
Un sottilissimo ed ininterrotto ricciolo ricadeva nel piatto per essere trasformato subito dopo in una rosa da sistemare sulla stufa.
Quanto tempo per mangiare una mela?
Ma il rituale non finiva così, perché adesso viene il bello.
Ersilia tagliava fettine trasparenti che si scioglievano in bocca, nemmeno una lama da rasoio sarebbe riuscita ad ottenerne di più minute.
Era l’estenuante ricerca della forma di un torsolo immaginato, l’assoluta libidine del sapore sul palato che culminava nei piccoli semi marroni pazientemente rotti dagli incisivi ormai limati.
Infine, appagata e soddisfatta, riprendeva la sua giornata.
Inutile dire che io non ci sono mai riuscita.
Per me, la cosa migliore è addentare la mela con tutta la buccia, dare grossi morsi rumorosi a quel frutto verde ancora acido e qualche volta, lo ammetto, mi dimentico ancora di lavarlo.
Per fortuna c’è sempre una manica a portata di mano per lucidare la buccia troppo spessa.
© M.Pagin - Tutti i diritti riservati. È vietato utilizzare i testi, anche parzialmente, senza autorizzazione dell'Autore.
Ti piace questo sito?
Invita anche un tuo amico a visitare il SurjaRing!
clicca qui


Collabora con noi!
C'è un argomento che ti appassiona
e desideri condividerlo nel web?
Hai voglia di diventare uno dei nostri?
Collabora con noi!
C'è uno spazio gratuito che ti attende
all'interno del SurjaRing.
Clicca qui
In riferimento alla recente legge del 2015 entrata in vigore il 2 giugno sui cookie, avvertiamo i visitatori che questo sito non utilizza cookie per raccogliere dati degli utenti ma solo cookie tecnici, necessari al funzionamento del sito e per consentire agli utente di accedervi.
Non dimenticare di iscriverti alle
NewsLetter del SurjaRing!


Vuoi un regalo dal SurjaRing? clicca qui




REGISTRATI
per ricevere novità
dal SurjaRing










Per la pubblicità su     questo sito clicca qui!

Segnala il SurjaRing     ad un amico

Partecipa al     SurjaForum

Fai di SurjaRing la tua     Home Page

Collabora con noi

Ascolta la SurjaMusica


Surja

Cristallidiluna

BluGanesha

Profumidoriente


Free Internet - Free e-mail
NAVIGA IN INTERNET con un accesso sicuro e veloce al costo di UNA TELEFONATA URBANA ed una casella e-mail con ANTISPAM e ANTIVIRUS!


ScambioBanner
Esponi un banner del tuo sito in SurjaRing!


SurjaTeam
Chi scrive in
SurjaRing?


Ars culinaria
La Locanda di Donna Sofia


SurjaForum
Partecipa anche tu al Forum del SurjaRing!


SurjaTeam
Chi scrive in SurjaRing?


Free Internet - Free e-mail
NAVIGA IN INTERNET con un accesso sicuro e veloce al costo di UNA TELEFONATA URBANA ed una casella e-mail con ANTISPAM e ANTIVIRUS!


I CHING
Consulta l'oracolo: un nuovo servizio offerto da SurjaRing


ScambioBanner
Esponi un banner del tuo sito in SurjaRing


SurjaForum
Partecipa anche tu al forum del SurjaRing!




SurjaTeam
Chi collabora con SurjaRing?

SurjaLink
I siti consigliati da SurjaRing

SurjaDono
Richiedi il dono del SurjaRing

ScambioBanner


powered by Neomedia

© Copyright Surja s.a.s. Tutti i diritti riservati.
È vietato utilizzare i contenuti di questo sito senza autorizzazione.